Ristoranti | 06 giugno 2021

Pigna (IM): lo chef Federico Lanteri ha riaperto il ristorante con molte interessanti novità

Con l’arrivo dello chef contadino, l’Osteria Martini promette un’estate ricca di sorprese.

Pigna (IM): lo chef Federico Lanteri ha riaperto il ristorante con molte interessanti novità

Dopo aver terminato l’esperienza del “Torrione” a Vallecrosia, lo chef Federico Lanteri riparte con grande slancio e con una nuova proposta gastronomica, in parte rinnovata ed in parte riproponendo i piatti, che hanno reso famoso il ristorante di famiglia. L’Osteria Martini, situata nel bellissimo centro storico del paese dell’alta valle Nervia, è pronta ad accogliere i clienti con la sua atmosfera calda e raffinata.

Le salette interne con l’arredamento elegante e ricercato insieme alla terrazza romantica, che si affaccia sui vicoli, ed ai tavoli sistemati nella grande piazza, offriranno un riparo sicuro per chi vuole fuggire dalla confusione e dal caldo della costa.

Il ristorante sarà aperto dal mercoledì alla domenica sia a pranzo che a cena, per tutta l’estate. Nelle serate del venerdì ci saranno concerti di musica jazz e sarà possibile godersi la piazza a partire dall’aperitivo.

 

In carta ci sono autentiche prelibatezze frutto di preparazioni da un lato molto ricercate e dall’altro di grande semplicità. Si può ordinare alla carta oppure approfittare dei due menù proposti, uno di terra ed uno di mare.

Nel primo potrete trovare la Zuppa di fagioli di Pigna con Totanetti, il classico Turtunetto, i Ravioli fatti in casa con patate e porri e conditi con burro, nocciola e pane abbrustolito, il Coniglio alla ligure accompagnato dalle verdure coltivate nell’orto di famiglia, e per finire un dessert come la Stroscia con la spuma di Zabaione. L’intero menù viene proposto al costo di € 38 escluso i vini.

 

Il secondo menù di mare, che sarà sempre variabile perché si affida ai risultati della pesca dei fornitori di fiducia dello chef.  In questi giorni è presente una deliziosa Tartare di gamberi di Sanremo, il Baccalà croccante,

lo Spaghetto alla chitarra con crema leggera di Bottarga, fatta dallo chef e con foglie di erbe selvatiche, il Cubetto di mare affumicato con crema di cipolla e carciofi alla brace e come dessert il Cremoso ai fiori d'arancia. L’intero menù costa € 48 sempre senza le bevande.

 

La qualità e la varietà della cucina del Torrione sono state quindi confermate ed anzi ulteriormente arricchite dall’utilizzo delle verdure e degli ortaggi coltivati nell’azienda agricola di famiglia. Ortaggi, che sono la base di partenza per la preparazione di piatti semplici, tipici della tradizione e sempre rispettosi dell’ambiente e della salute. I menù saranno quindi rigorosamente stagionali e presteranno grande attenzione alle tradizioni dell’entroterra ed in particolare della Valle Nervia. In cantina troverete i milgiori vini del territorio e qualche etichetta di altre regioni.

 

La visita al ristorante sarà anche l’occasione per visitare un borgo bellissimo, caratterizzato da stradine strette in pietra e attraversate da giochi d’archi tra le case godendo di una splendida vista sulla vallata verdissima.

Grazie alla presenza di Aurora e di uno staff di sala molto affiatato, gli ospiti potranno contare sulla stessa accoglienza calda e raffinata della precedente esperienza. Il contesto di un centro storico incantevole e affascinante unito alla cucina innovativa e tradizionale, basata sull’utilizzo di materie prime di altissima qualità, contribuirà a regalarvi il ricordo di un’esperienza gourmet indimenticabile.

“Credo che oggi ci sia una attenzione maggiore ai temi della biodiversità, alla riscoperta di ingredienti antichi e delle preparazioni semplici - spiega Federico Lanteri – si ricercano sempre di più le tradizioni secolari, che rischiano di perdersi e sono mantenute in vita grazie alla passione ed all’amore per il territorio. La mia non è una cucina solo vegetariana, anche se le verdure e gli ortaggi avranno un ruolo importante. Ci saranno anche piatti di carne, provenienti da allevamenti di qualità piemontesi per il vitello e locali per conigli e polli. Ho mantenuto anche i contatti con i pescatori della costa, che mi forniranno prodotti sempre freschi per alcune preparazioni, che si abbinano benissimo con i prodotti dell’orto. Importante inoltre anche la collaborazione con Pierangelo Fazio, che continua a fornirmi i frutti tropicali coltivati al confine con la Francia e dal sapore unico. Ci saranno anche i piatti tipici del Torrione derivanti dalla nostra lunga e importante tradizione familiare, come le Trippe e i Ravioli, insieme ai piatti del territorio come il gustoso Turtun, il gran pistau e la capra con i delicati fagioli bianchi, che sono presidio Slow Food”.

Federico Lanteri all’Osteria Martini si trova a Pigna in piazza Castello numero 10  telefono 349. 6381330

 

 

Claudio Porchia

Ti potrebbero interessare anche: