News | 30 novembre 2021

A Legnano (MI) per provare la cucina verde e innovativa dello chef Alberto Buratti

Il ristorante Koinè propone piatti realizzati con le primizie che si potrebbero trovare idealmente in un orto di un metro quadro

A Legnano (MI) per provare la cucina verde e innovativa dello chef Alberto Buratti

La luna governa il moto ondoso dei mari e l’avvincendarsi delle stagioni. Da questa premessa, lo chef Alberto Buratti e patron del ristorante “Koinè” a Legnano, ha realizzato il suo menù semplicemente osservando l’alternarsi delle stagioni e il legame naturale fra la luna e le fasi di semina e raccolto. In questo periodo dove parlare di sostenibilità è una sfida, lo stesso chef ci ha creduto fino in fondo ed è pronto ad affrontarla. 

Già il nome del ristorante – Koinè – che era il primo dialetto parlato dagli antichi greci, la lingua comune che dava identità al popolo, si comprende come la tradizione agricola e contadina fortemente assoggettata ai dettami della natura e rispettosa delle varie fasi lunari, siano gli argomenti base dai quali è partito lo chef per sua proposta del suo menu declinato al “green” e alla

Si tratta di un’offerta innovativa basata solamente sulle primizie che si potrebbero trovare idealmente in 1 mq d’orto, dando vita a piatti non solo che alla vista riportano all’allegria nello stare a contatto con la natura, ma che esplodono di profumi e colori in un viaggio che porta con sé i gusti intensi della terra e che piano piano si evolvono fino al cielo, alla luna, appunto.

I prodotti utilizzati sono rigorosamente stagionali e cambiano a seconda della loro disponibilità, sempre guardando all’’evolversi delle fasi lunari che governano i cicli della natura.

Il 24 novembre il menu “plant based” è entrato a far parte della carta del ristorante con la speranza che l’idea di questa cucina sia, usando le parole dello chef: ” una lingua comune dei popoli, capace di parlare a chiunque e di essere comprensibile attraverso tutti gli ingredienti “ .

Le tecniche di preparazione di chef Buratti sono mutuate da quelle di diverse nazioni situate in diverse regioni del mondo, con tradizioni culinarie diverse ma che, come base gastronomica, vi fosse comunque sempre il vegetale, rispettoso del susseguirsi delle stagioni e che attraverso il suo uso così “particolare” potesse raccontare un popolo le loro tradizioni culturali e il loro stile di vita.

 “Questo menù è nato in modo naturale – commenta Alberto Buratti - perché lavorare le verdure e creare piatti soddisfacenti con ingredienti apparentemente semplici è, da un lato, una sfida, ma anche una nuova consapevolezza alimentare. Penso sia arrivato il momento di dimostrare che il mondo vegetale può essere il degno protagonista dell’alta cucina”.

Il Ristorante Koinè si trova a Legnano (MI) in Vicolo Corridoni 2/c; Telefono: 0331 599384 

 

 

 

 

Chiara Vannini

Ti potrebbero interessare anche: