Vini | 18 ottobre 2022

Maura Gigatti vince il primo concorso nazionale per Miglior Sommelier del Rossese

La sommelier di Parma ha vinto il concorso organizzato da Ais Liguria in collaborazione con Associazione Italiana Sommelier

Maura Gatti riceve la targa premio dal sindaco Fulvio Gazzola

Maura Gatti riceve la targa premio dal sindaco Fulvio Gazzola

Si è tenuta ieri sera al Castello di Dolceacqua la prima edizione del Trofeo Nazionale Miglior Sommelier del Rossese 2022, organizzato da Ais Liguria in collaborazione con l’Associazione Italiana Sommelier.

Alla finale hanno partecipato 13 concorrenti arrivati da diverse regioni italiane, tutti sommelier di grande livello e preparazione. La sommelier Maura Gigatti si è imposta nella sfida che prevedeva diverse prove: il riconoscimento dei vini con degustazione; il servizio in sala con abbinamento a piatti particolari e la presentazione dei vini, delle cantine e del territorio.

Secondo classificato Massimo Tortora di Ais Toscana, titolare di un’enoteca, sommelier professionista dal 2012, già eletto Miglior Sommelier Toscana 2016.

Terzi classificati, a pari merito, Ilaria Lorini e Vincenzo Galati ingegnere navale, sommelier per passione.

A consegnare il trofeo di Miglior Sommelier del Rossese è stato Sandro Camilli, presidente nazionale di Ais, e da Marco Rezzano, presidente regionale di Ais Liguria, con la presenza del responsabile Ais nazionale dei concorsi Maurizio Zanolla, dal responsabile ligure Sergio Garreffa, dal giornalista esperto di enogastronomia Claudio Porchia e del sindaco di Dolceacqua Fulvio Gazzola.

Alla vincitrice, oltre al prestigioso riconoscimento, è stato consegnato un premio di 1000 euro, al secondo classificato una somma di 500 euro, ai due sommelier arrivati in terza posizione un premio di 250 euro ciascuno.

Maura Gigatti si è avvicinata al mondo della ristorazione in modo graduale, prima con collaborazioni nei principali locali di Parma e poi nel 2008 come imprenditrice. L’ingresso nella sommellerie professionale inizia nel 2013, prima con il diploma Ais e poi con il master Alma Ais, seguito nel 2015 dal titolo di sommelier professionista; sempre nello stesso anno frequenta il Corso tecniche di servizio del Sommelier, proseguendo con la partecipazione a seminari e corsi di degustazione più specifici. La conoscenza sempre più approfondita del vino e l’attività di sommelier aiutano Maura a focalizzarsi sui concorsi dedicati ai vini, a partire dal Master del Lambrusco, per poi passare a quello del Vermentino e al Trofeo del Soave. In un settore tuttora a forte prevalenza maschile, Maura ha saputo distinguersi e farsi apprezzare, arrivando già nel 2015 alla semifinale del Miglior Sommelier d’Italia, così come gli anni successivi. Nel frattempo, arrivano anche i premi, con il secondo posto al Trofeo Consorzio vini di Romagna e la vittoria al Master del Lambrusco. Il 2017 si è caratterizzato con il titolo di terza classificata al Master del Nebbiolo, prima classificata al Master del Primitivo e seconda al Trofeo miglior sommelier del Vermentino. Nel 2018 è entrata a far parte, come sommelier, dell’Associazione Le Donne del Vino - con le quali ha partecipato al Concorso internazionale Feminalise di Parigi come degustatrice e alla presentazione a New York di Wine Spectator - e di Noi di Sala. È vincitrice del Trofeo Miglior Sommelier del Vermentino 2021 a Sestri Levante.

Il concorso, riservato a tutti i sommelier di Ais, è nato con l’obiettivo di valorizzare la professione del sommelier e di incrementare la conoscenza e la divulgazione del vitigno Rossese.

Informazioni: www.aisliguria.it

 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche: