News | 18 gennaio 2023

Nella Guida Michelin 2023 c'è una novità che parla genovese: la Trattoria Rosmarino (Foto e Video)

A pochi passi da piazza De Ferrari lo chef Alessandro Massone e il suo staff propongono piatti regionali creando un mix di tradizione e modernità

Nella Guida Michelin 2023 c'è una novità che parla genovese: la Trattoria Rosmarino (Foto e Video)

Nel cuore del centro storico di Genova, in salita del Fondaco, a pochi passi da piazza De Ferrari, la Trattoria Rosmarino ha ottenuto un nuovo traguardo, tanto importante quanto inaspettato: è stata infatti inserita nella Guida Michelin 2023, per ora nell’edizione online, e dal 2024 anche nella versione cartacea.  

Aperta dal 2010 da Alessandro Massone e Felice Zingarelli, che già avevano collaborato alle “Mamme del Clan” negli anni precedenti, la Trattoria Rosmarino ha consolidato anno dopo anno la sua presenza sul territorio, improntando la sua cucina sulle materie prime di qualità e sul desiderio di rielaborare i piatti simbolo della nostra regione creando un mix di tradizione e modernità. 

 

 

Ci racconta lo chef e co-titolare del ristorante Alessandro Massone: “E’ stata una bella soddisfazione, soprattutto perché non ci aspettavamo di essere inseriti nella Guida Michelin. 

La nostra cucina si basa sui piatti della tradizione, leggermente rivisitati: cuciniamo un po’ di tutto, dalla carne al pesce, ma i nostri piatti che vanno per la maggiore sono sicuramente il baccalà ‘bradacujun’, la trippa 'alla sbira', la cima e i ravioli di borragine al tocco”. 

Oltre ai classici, il menù si arricchisce poi con i piatti preparati con ingredienti di stagione: “Collaboriamo con piccoli produttori di formaggi e di ortaggi locali, e facciamo parte dell’Alleanza dei Cuochi Slow Food. Ci interessa valorizzare il territorio e i suoi prodotti.

Genova sta diventando sempre più meta turistica per italiani e stranieri, e questo si registra anche nelle prenotazioni al ristorante: “Lavoriamo molto con i turisti, che cercano da noi i piatti della tradizioni e le specialità locali, e il pesto la fa ovviamente da padrone. Abbiamo poi una selezione di vini liguri bianchi e rossi, sempre per valorizzare il territorio e creare abbinamenti con i piatti che proponiamo”. 

Prima di salutarci, lo chef ci racconta una novità che riguarda i progetti per il 2023: “Chiuderemo tra febbraio e marzo perché abbiamo in programma di rifare tutta la cucina. Quando riapriremo ci saranno delle sorprese nel menù, e non vediamo l’ora di presentarle”. 

Ecco la recensione della Guida Michelin 2023:

A pochi metri da piazza De Ferrari, tavoli all'aperto e una piacevole ed informale atmosfera nelle tre sale interne. Ecco il Rosmarino, dove su tutto trionfa la qualità della cucina: un'intelligente proposta di classici liguri, sia di carne che di pesce, sorretta da ottimi ingredienti. Imperdibile il baccalà "brandacujun", ma anche i raviolini di borragine al tocco e la trippa alla "sbira”’.

Chiara Orsetti e Isabella Rizzitano

Ti potrebbero interessare anche: