Ristoranti | 08 aprile 2021

La svolta ecologica dello chef Federico Lanteri: sostenibilità, prodotti locali e trasferimento a Pigna (IM) nell'alta val Nervia

Il giorno di Pasqua è stato l’ultimo giorno di apertura dello storico ristorante “Il Torrione” di Vallecrosia.

La svolta ecologica dello chef Federico Lanteri: sostenibilità, prodotti locali e trasferimento a Pigna (IM) nell'alta val Nervia

Lo chef Federico Lanteri ha deciso di dare una profonda svolta al suo percorso professionale affrontando una nuova sfida. A partire dalla metà del mese di maggio riprenderà la sua attività di ristorazione, che gli ha dato grandi soddisfazioni anche fuori dai confini nazionali, a Pigna in alta val Nervia, chiudendo definitivamente lo storico locale di famiglia di Vallecrosia, sempre in provincia di Imperia.

In un locale più piccolo, arredato con cura e grande attenzione ai dettagli, lontano dalla confusione della costa e dal traffico della via Aurelia, ma più vicino alle produzioni e tradizioni agroalimentari dell'entroterra. La quasi totalità delle verdure e degli ortaggi utilizzati nel locale di Vallecrosia erano coltivati nell’azienda agricola di famiglia, che si trova proprio a Pigna. Ora i prodotti della campagna saranno la base di partenza per la preparazione di piatti semplici, ma tipici della tradizione, rispettosi dell’ambiente e della salute.

“Può sembrare un azzardo aprire un ristorante di qualità in un paesino di centinaia di abitanti, - ci spiega Federico Lanteri - ma credo che oggi ci sia una attenzione maggiore ai temi della biodiversità, alla riscoperta di ingredienti antichi e preparazioni semplici. La vera cucina gourmet non la fanno gli chef, le vere stelle della gastronomia sono gli artigiani e gli agricoltori, che con passione e impegno mantengono tradizioni secolari. La mia non sarà una cucina solo vegetariana, anche se le verdure e gli ortaggi avranno un ruolo importante. Ci saranno anche piatti di carne, provenienti da allevamenti di qualità piemontesi per il vitello e locali per conigli e polli. Manterrò anche i contatti con i pescatori della costa, che mi forniranno prodotti sempre freschi per alcune preparazioni, che si abbinano benissimo con i prodotti dell’orto. Il menù seguirà il ritmo delle stagioni e varierà con cadenza settimanale o giornaliera a seconda delle disponibilità dei prodotti. Sto lavorando per la preparazione di menù completi da proporre nei week end e dei piatti unici per il pranzo. Cercherò anche di mantenere dei prezzi in giusto rapporto con la qualità, perché vorrei che tutti si possano permettere di godere del buon cibo e dei buoni prodotti, che offre questa splendida valle. Ci saranno anche i piatti tipici del Torrione derivanti dalla nostra lunga e importante tradizione familiare, come le Trippe e i Ravioli, insieme ai piatti del territorio come il gustoso Turtun, il gran pistau e la capra con i delicati fagioli bianchi, che sono presidio Slow Food”.

 

Federico aprirà il suo ristorante a Pigna in piazza Castello numero 10 all'’Osteria Martini. Durante l’estate potrà ospitare i clienti anche sull’ampia terrazza e nella piazza, da dove si gode di una vista straordinaria del centro storico del paese, che si fregia della Bandiera Arancione ed è famoso per le sue splendide Terme.

La visita al ristorante sarà quindi anche l’occasione per visitare un borgo bellissimo, caratterizzato da stradine strette in pietra e attraversate da giochi d’archi tra le case godendo di una splendida vista sulla vallata verdissima.

 

Claudio Porchia

Ti potrebbero interessare anche: