Itinerari | 28 novembre 2021

Francia: tutte le misure decise dal governo e quelle in vigore nelle Alpi Marittime

Terza dose dopo 5 mesi, il pass sanitaire, per chi ha più di 65 anni, sarà valido solo se una dose è stata somministrata da non più di 7 mesi. Giro di vite sui tamponi

Francia: tutte le misure decise dal governo e quelle in vigore nelle Alpi Marittime

Queste le novità disposte dal governo francese a seguito della recrudescenza della pandemia.

Vaccini
Il richiamo del vaccino è aperto a tutte le persone di età pari o superiore a 18 anni decorsi cinque mesi dopo l'ultima iniezione o l'ultima infezione da Covid-19 a partire da 27 novembre 2021.

Pass sanitaire
A partire dal 15 dicembre 2021, il "pass sanitaire" per le persone di età superiore a 65 anni non sarà più attivo se il richiamo non è stato somministrato entro 7 mesi dall'ultima iniezione o dall'ultima infezione.
A partire da lunedì 29 novembre 2021, solo i test PCR e antigenici risalenti a meno di 24 ore costituiranno prova per il "pass sanitaire".

Gesti barriera

Torna l'obbligo di indossare la mascherina nei luoghi pubblici chiusi, compresi quelli soggetti al “pass sanitaire”. Inoltre, i prefetti avranno facoltà di rendere obbligatorio l'uso della mascherina all'aperto.
La ventilazione frequente degli spazi chiusi è più necessaria che mai. Si consiglia di ventilare ogni stanza per 10 minuti ogni ora.

Formazione scolastica
Solo nelle scuole primarie: quando uno studente risulta positivo in una classe, tutti gli studenti della classe devono essere testati entro 24 ore. Gli studenti positivi dovranno isolarsi; gli studenti negativi possono tornare in classe. Le modalità di screening verranno specificate in seguito.

Misure territoriali in vigore nelle Alpi Marittime

L’obbligo di mascherina è esteso a locali, luoghi ed eventi il cui accesso è subordinato alla presentazione del tesserino sanitario
L'uso della mascherina è obbligatorio a partire da undici anni in tutti i comuni del Dipartimento delle Alpi Marittime nei seguenti spazi pubblici:

  • Mercati interni ed esterni;
  • Mercatini delle pulci, svendite, svendite, vide greniers e mercatini all'aperto organizzati in spazi pubblici o normalmente aperti al pubblico;
  • Strade urbane pedonali;
  • Aree in cui il traffico stradale è limitato a 20 km/h;
  • Centri commerciali e spazi similari di grandi e medie superfici, nonché i relativi posti auto;
  • Le aree dei centri storici e dei centri commerciali caratterizzate da un'elevata concentrazione di pubblico;
  • In occasione di eventi che si svolgono nel territorio del Dipartimento delle Alpi Marittime;
  • Entro un perimetro di 50 metri intorno agli ingressi di asili nido, scuole, collegi e licei, 15 minuti prima e dopo l'apertura e 15 minuti prima e dopo la chiusura di tali strutture;
  • Entro un perimetro di 50 metri attorno agli accessi agli istituti di istruzione artistica e agli istituti di istruzione superiore durante l'orario di frequenza di tali istituti;
  • Entro un perimetro di 50 metri attorno agli ingressi dei locali aperti al pubblico nei quali è obbligatorio l'uso della mascherina ai sensi delle disposizioni normative vigenti.
  • Quando, dato il numero di visitatori, non è possibile il distanziamento fisico di almeno due metri tra le persone.


Non è obbligatorio indossare la mascherina nei seguenti spazi pubblici:

  • Spazi naturali;
  • Aree verdi urbane (parchi, giardini e aree paesaggistiche lungo i corsi d'acqua) e il litorale (spiagge);
  • Bordi di stagni, laghi e giochi d'acqua nei centri ricreativi.








Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche: