News | 23 novembre 2021

Guida Michelin 2022: in Italia brillano 35 nuove stelle. Due in Liguria

Due nuove stelle per l’Orto by Jorg Giubbani di Moneglia (GE) e San Giorgio di di Graziano Caccioppoli di Genova.

Guida Michelin 2022: in Italia brillano 35 nuove stelle. Due in Liguria

Nella pioggia di stelle che ha caratterizzato la presentazione della nuova guida Michelin 2022 la Liguria si conferma esclusa dal circuito dei due e tre stelle, ma Genova ottiene due nuovi riconoscimenti con l’Orto by Jorg Giubbani di Moneglia (GE)

e San Giorgio di di Graziano Caccioppoli di Genova.

Ricordiamo che la Liguria nel 2019 aveva perso 4 ristoranti stellati, scendendo a 6 ristoranti, riconfermati nel 2020. Nel 2021 c’erano state due nuove stelle, Ivan Maniago del ristorante Impronta d’Acqua di Cavi di lavagna e Giorgio Servetto del Nove di Alassio, ma il totale era sceso a 7 a causa della mancata riapertura della Locanda dell’Angelo (Ameglia). Ora la regione si gode le 9 stelle del 2022 e forse ha definitivamente invertito la tendenza negativa.

Nessuna donna e nessuna stella verde, ma lo chef Jorg Giubbani ha meno di 30 anni ed è più di una giovane promessa.

Con l’uscita della guida più attesa e temuta, la “rossa” Michelin, si conferma che il mondo della critica gastronomica non si ferma e prosegue anche se in un contesto quello della ristorazione molto complicato e difficile. Nei giorni scorsi infatti è stata presentata la “Guida alle Osterie d’Italia” di Slow Food e quella dei Ristoranti d’Italia 2021 del Gambero Rosso.

Importante per Michelin l'attenzione per una ristorazione più sostenibile. Un riconoscimento dedicato, la stella verde, il nuovo pittogramma che promuove gli chef che si sono assunti la responsabilità di preservare le risorse e abbracciare la biodiversità, ridurre gli sprechi alimentari e sostenere una cucina sempre più green. Sono 30 in totale i ristoranti con stella verde, con 17 novità, e ripetiamo nessuna in Liguria.

Tra le 35 novità stellate che hanno delineato un nuovo firmamento in quattordici regioni della penisola, la Campania si è distinta sia per il numero di riconoscimenti complessivi (8 nuove stelle), che per la presenza dei due nuovi ristoranti due stelle MICHELIN,Ristorante Krèsios – Telese Terme (BN)   e Ristorante Tre Olivi – Paestum (SA)

Nella Guida MICHELIN Italia 2022, figurano dunque 2 new entry e 33 novità, per un totale di 378 ristoranti stellati. Confermati tutti gli 11 tre stelle, 38 i ristoranti due stelle che “meritano una deviazione”:.

Queste le stelle Michelin liguri riconfermate:

Ivan Maniago; chef patron del ristorante neo-stellato MICHELIN Impronta D’Acqua con illustri trascorsi formativi ed una naturale propensione verso “nuove tecniche al servizio di piatti audaci e riflessivi”.

Giorgio Servetto del Nove di Alassio grazie alla volontà di valorizzare il lavoro delle piccole realtà dal territorio circostante oltre che minimizzare l’impatto ambientale dell’attività e restituire brillantezza gastronomica ad una sottile e variata striscia di terra (la Liguria) ricca di antiche usanze culinarie ed irresistibili prelibatezze autoctone.

Claudio a Bergeggi (SV): Lo chef Claudio Pasquarelli propone una cucina di pesce con una zuppa sfilettata e il suo fritto fra i migliori della Liguria secondo la guida Michelin, in un locale panoramicamente affacciato sul mare. Si trova in via XXV Aprile 37 a Bergeggi

The Cook da Cavo, Genova, dello chef Ivano Ricchebono che ha conquistato la stella nel 2019 si trova nel centro di Genova e propone piatti del territorio e con pescato del giorno. Si trova a Genova in vico Falamonica n. 9 Genova

Ristorante Sarri Imperia: lo chef Andrea Sarri propone una cucina che rappresenta un giusto equilibrio fra innovazione gourmet e tradizione del territorio, con un menù a chilometro zero con verdure, ortaggi e olio provenienti dall’azienda agricola di famiglia con il profumo del mare di un incantevole borgo di pescatori. Si trova in lungomare C. Colombo 108 a Imperia

Il ristorante il Vescovado a Noli (SV) in un locale del Quattrocento, con una splendida vista sul mare, lo chef Giuseppe Ricchebuono propone una cucina fatta di innovazione e tradizione, con pesce locale fresco e prodotti dell’entroterra. Si trova in piazzale Rosselli – Lungomare Marconi a Noli

Paolo e Barbara a Sanremo (IM): da 31 anni stella della ristorazione sanremese, lo chef Paolo Masieri, che sta lasciando il timone della cucina al figlio, ama definirsi un “cuoco contadino”, perché coltiva personalmente in val Nervia e nella vicina Ospedaletti una parte dei prodotti utilizzati in cucina. Cucina di pesce con piatti creativi e della tradizione come il brandacujun o la zuppa di pesce passata tipica della Riviera di Ponente. Si trova in via Roma 47° Sanremo

 

Claudio Porchia

Ti potrebbero interessare anche: