Ristoranti | 10 marzo 2023

A Castelbianco (SV) è arrivata la primavera nella cucina del ristorante Da Gin

Nuovi piatti e nuovi menù preparati dalla coppia di chef composta da Rosa D'Agostino e Gloria Enrico. Una sosta imperdibile per gli amanti della buona cucina

A Castelbianco (SV) è arrivata la primavera nella cucina del ristorante Da Gin

Dopo la pausa invernale si sono riaccesi i fuochi dei fornelli della cucina del ristorante da Gin di Castelbianco. L’esperta chef Rosa D'Agostino in coppia con la giovane chef Gloria Enrico propone nuovi menù e nuovi piatti.

Siamo in una valle che si sta risvegliando dal torpore invernale, un’oasi verde e tranquilla, che favorisce una cucina basata su prodotti a KM 0, con gli ortaggi coltivati nell’orto e le erbe raccolte nelle vicine campagne.

I nuovi menù elaborati dalla coppia di “lady chef” sono rigorosamente stagionali e promettono di variare con cadenza mensile. Quello proposto in questi primi giorni dalla riapertura presenta piatti vegetariani e vegani accanto a preparazioni della cucina tradizionale dell’entroterra, accompagnate dal prezioso olio ricavato con fatica dalle ripide terrazze, che separano il ristorante dalla frazione Colletta, inserita con merito tra i Borghi più belli d’Italia.

Rosa conosce perfettamente i prodotti del territorio, i giusti tempi di lavorazione, dosi e abbinamenti riuscendone a esaltare sapore e profumo.

Pane, focacce e grissini dell chef Rosa

 

Potete scegliere piatti alla carta o i diversi menù degustazione: “Origini” proposto a 60 euro prevede piatti classici della tradizione del ristorante accompagnati dal tartufo nero pregiato invernale; “Natura”, a 40 auro, comprende preparazioni o meglio “sperimentazioni vegetali” di grande interesse come i cannelloni di spinaci su crema alle mandorle, il tofu alle alghe e patate al vapore e la frolla con mandorle, mousse di mango e gel di menta.

Ma quello dove le due chef riescono a dare l’impronta più evidente della loro filosofia è sicuramente “Lady chef”, al costo di 50 euro.

Qui tecnica, fantasia e creatività si intrecciano in piatti belli da vedere e ottimi da gustare.

Un susseguirsi di emozioni che cominciano dal carosello di antipasti, che offre una gustosa rivisitazione della torta verde,

un bombolone con mousse di coniglio,

la gallina padovana rivisitata e per finire la sorpresa delle lumachine al pizzico con guscio di pasta matta, da rompere con la forchetta e gustare con il cucchiaio.

Il primo è costituisco da un piatto che tiene insieme i sapori del sottobosco in un abbinamento non scontato e di grande sapore: tortelli ai frutti di bosco ripieni di Toma brigasca con olio alle nocciole e timo.

Un piatto da provare assolutamente!!!

 

Il secondo è un delizioso maialino laccato al miele e arancia con il suo fondo e verdure di stagione, finocchio e carote.

Un’insalatina di frutta e fiori con infuso di Rosa Canina e zenzero, servita come predessert

vi porterà con raffinatezza al dolce, un cremoso allo yogurt con crumble di focaccia e caviale al basilico.

In sala operano la figlia Ludovica,  che cura con garbo e attenzione il servizio insieme al marito di Rosa, Marino, cortese e competente sommelier che cura la cantina. Un clima familiare che si respira fin dall’ingresso nel locale e che rende ancora più gradevole la sosta.. Il ristorante è circondato da un giardino e dispone di otto camere eleganti, che garantiscono calore e armonia, la stessa combinazione che ritroverete nei piatti creati dalle chef.

Ricordiamo che il ristorante Da Gin  è stato inserito fra i Ristoranti della Tavolozza e si trova a Castelbianco in via Pennavaire al numero 99, tel. 0182 77001.

È chiuso il lunedì e martedì e dispone di una vivace pagina facebook dove potete trovare foto e menù della settimana.

 

 

Claudio Porchia